Cuocere verdura e frutta nel forno a microonde

Cucinare le verdure e la frutta al naturale  nel forno a microonde è piuttosto semplice anche se i risultati ottimali si ottengono provando e impratichendosi a poco a poco perché, mi ripeto, molto dipende dal tipo di microonde (profondità, potenze, …) e dalla quantità/qualità delle verdure/frutta.

Pochi i principi guida per le verdure:
•  dopo aver mondato, lavato e tagliato a pezzi omogenei per dimensione la verdura disporla in un recipiente con coperchio adatto alle microonde
•  aggiungere il sale solo alla fine della cottura (favorisce la disidratazione e le verdure possono poi risultare troppo secche)
•  aggiungere acqua a seconda del tipo di verdura. Questo punto è un po’ delicato perché è difficile dare indicazioni precise. Per le verdure povere di acqua (es. patate, finocchi, carote …) occorre riempire il contenitore per circa un terzo. Per le verdure ricche di acqua (es melanzane, zucchine) basta aggiungerne mezzo bicchiere.
• la potenza di cottura è 750 W
•  un kg di verdura cuoce in circa 15-20 minuti (anche qui dipende dal tipo di verdura)

Tra tutte le verdure, patate, carote e finocchi sono le più difficili da cucinare perché se si cuociono più del dovuto e si aggiunge poca acqua si disidratano (le patate, per esempio, diventano colla).

Il mio suggerimento è procedere per gradi, impostando un tempo inferiore a quello ipotizzato, verificare la cottura ed eventualmente fare cuocere ancora un poco.

La frutta segue le stesse linee guida ma:

  • poiché è più delicata, meglio usare una potenza inferiore: 500 W è ottimale
  • poiché la frutta ne è già ricca non si aggiunge altra acqua
  • 1 mela tagliata a quarti cuoce in 3 minuti, in un contenitore coperto (es. tazza)

Perché cuocere le verdure e la frutta nel microonde? Le verdure cotte nel forno a microonde mantengono non solo i principi nutritivi inalterati ma hanno un  sapore più intenso (perché cotti in meno acqua).

Io a volte faccio cuocere le verdure nel microonde e poi le passo ancora velocemente in padella con olio unendo, eventualmente, del parmigiano grattugiato a fine cottura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *